Archivio mensile:ottobre 2013

Collante Idoneo per magneti calamite su ceramica

Una importante azienda Umbra operante nell’industria della ceramica ci ha interpellato per la realizzazione di un incollaggio di magneti sulla ceramica. Fino ad ora utilizzavano un collante cianacrilico istantaneo con scarsi risultati, infatti dopo poco vi verificava il distacco del magnete.

colla_epossidica_loxeal31-42

I collanti di questo tipo infatti non sono resistenti all’umidità. Gli smalti utilizzati nella produzione infatti sono a base di acqua e ne provocano il disgregamento ed il distacco. Dopo un studio della lavorazione siamo riusciti a risolvere il problema con il collante bicomponente Loxeal 31-42.

Protezione vie respiratorie con Sistemi 3M a Ventilazione Assistita

In alcune lavorazioni è possibile utilizzare anzichè maschere con filtri, perchè magari la concentrazione di agenti nocivi risulta essere elevata, sistemi che prevedano il prelievo dell’aria dall’esterno. Alcune sostanze nocive possono rendere inefficaci l’utilizzo dei soli filtri e quindi non garantire una protezione adeguata per l’operatore. Una soluzione può essere dotare l’operatore di un sistema a respirazione assistita 3M S-200 con prelievo dell’aria dall’esterno tramite aria compressa. Il sistema consente di immettere aria, opportunamente filtrata e depurata dal filtro 3M air-Care, respirabile dall’operatore.

3maircare

 

E’ però necessario effettuare all’inizio, e poi periodicamente, opportuni campionamenti dell’aria immessa in questi sistemi per valutare la qualità e la respirabilità dell’aria immessa. Questi sistemi non sono idonei per luoghi particolarmente pericolosi come ad esempio le cisterne. Ricordiamo che è sempre necessario fare una valutazione del rischio a cui gli operatori sono esposti da parte di personale competente ed addestrato. Spetta a loro la scelta del sistema di protezione individuale più idoneo ai rischi rilevati. I nostri suggerimenti infatti possono essere solo orientativi ma vanno sempre verificati in base alle effettive condizioni di lavoro.

3m s-200

 

 

 

Pellicole Protettive 3M per Vetroresina e Lamiere anche verniciate, lastre Inox e Tessuti

Nelle produzioni industriali può essere determinante proteggere i manufatti durante le lavorazioni, il traporto o il montaggio. Infatti molti prodotti che hanno un importate impatto estetico, penso ai particolari inox satinati o lucidati a specchio, lamiere verniciate come le carrozzerie dei veicoli o manufatti che devono essere protetti dallo sporco perchè sono esposti durante lo stoccaggio o il trasporto, possono far risparmiare molti inconvenienti spesso costosi. Le pellicole protettive 3M hanno la caratteristica di aderire bene ai supporti ma nel momento in cui vengono rimossi non rilasciano residui di colla. Si possono proteggere anche tessuti e moquette. I nostri tecnici sono a vostra disposizione per la scelta della pellicola più adeguata  e fornirvi anche dei campioni di prova.

pellicola_protettiva_nautica

Fit Test 3M – Strumento per il controllo delle Maschere Protettive

Ci sono arrivate richieste da parte di molti nostri clienti in merito ad un sistema per valutare l’effettiva protezione che una mascherina da all’operatore. Per avere questa sicurezza infatti non basta solo scegliere la protezione adeguata, da polveri, vapori o Gas della maschera, ma occorre soprattutto verificare che indossata dall’operatore sia effettivamente efficace. Il problema più frequente è che moltissime maschere protettive non riescono ad adeguarsi, per la scarsa qualità dei materiali o per insufficienti studi della forma, al viso dell’operatore rendendo una maschera del tutto inefficace. Tutte le maschere devono essere infatti testate per valutarne l’effettiva efficacia e 3M ha sviluppato un Fit-Test che consente di valutarla. Test che può essere applicato a tutte le maschere presenti sul mercato.

3mfitTest
I kit 3M per il “Fit Test” FT-10 e FT-12 sono stati ideati per verificare il corretto indossamento di qualsiasi respiratore per polveri a pressione negativa o respiratore per gas e vapori con filtro per polveri.

Il “fit test” iniziale viene normalmente effettuato nel corso di una sessione di addestramento durante la presentazione di un nuovo apparato per la protezione delle vie respiratorie (APVR). Questa prova viene normalmente ripetuta soltanto se l’utente subisce una significativa variazione di peso o delle caratteristiche facciali che può compromettere la tenuta del dispositivo.

I Kit FT-10 e FT-12 seguono la stessa procedura di prova utilizzando soluzioni diverse. Il kit FT-10 utilizza una soluzione “dolce”. Il kit FT-12 utilizza in alternativa una soluzione “amara” in quanto alcune persone non sono in grado di rilevare la soluzione dolce.

Inoltre, è importante che gli utilizzatori eseguano il “controllo di tenuta” ogni volta che indossano un dispositivo per la protezione delle vie respiratorie. (Il controllo di tenuta è dettagliatamente descritto nelle istruzioni per l’indossamento).

Se l’utente non riesce a raggiungere una soddisfacente tenuta sul volto, deve consultare il supervisore e prendere in considerazione una forma alternativa di dispositivo per la protezione delle vie respiratorie.

fittest_3m_2