Archivio mensile:giugno 2014

Come utilizzare le catene di sollevamento.

Per il sollevamento dei materiali nelle lavorazioni industriali, agricole o Navali le catene sono la soluzione più utilizzata. La loro maneggevolezza, versatilità e resistenza ne fanno un dispositivo non rinunciabile. Quando si acquista prima di tutto è necessario verificare accuratamente la provenienza per essere sicuri di utilizzare un prodotto che abbia tutti i requisiti di legge e soprattutto per una salvagurdia degli operatori e dei manufatti.

Tutte le catene e i vari accessori correlati, come maglie di giunzione, campanelle, ganci ecc.. devono avere obbligatoriamente il certificato che ne attesti la portata, il carico di rottura ed il fabbricante. Non si devono utilizzare le attrezzature di cui si è smarrita la targhetta identificativa.

foto catene soll

Nelle braghe di sollevamento a catena è indispensabile controllare oltre che la portata generale anche l’ngolo di sollevamento ed eventuali sbilanciamenti del carico. Verificare che il carico non sia sulla punte del gancio ma sempre nella gola. Non fare sollevamenti bruschi ma sempre lenti nella fase dello stacco per evitare sovraccarichi alle catene. Non sono ammessi nodi alle catene. La catena deve essere sempre accorciata utilizzando gli appositi scorciamglia. Nelle catene grado 80 anche la temperatora operativa va verificata.

-40 °C + 200 °C  Portata 100%

+200 °C + 300 °C  Portata 90%

+300 °C + 400 °C  Portata 75%

 

Utilizzare le fasce in poliestere per il sollevamento dei materiali

Mi sono state chieste da molti informazioni sui dispositivi di sollamento e da qui l’idea di condividere le nozioni base.

Quando in ambito industriale, agricolo o navale si ha la necessità di sollevare i materiali si possono utilizzare prevalentemente 3 sistemi: a catena, a fascia o a fune metallica.I diversi sistemi, che sostanzialmente possono resistere ai medesimi carichi, hanno però delle peculiarità che li rendono molto diversi. Le fasce di sollevamento vengono utilizzate quando c’è il rischio di danneggiare il particolare, si pensi per esempio al sollevamento delle barche. La grande leggerezza data dal peso ridotto, la maneggevolezza nel posizionamento ne fanno una scelta obbligata per alcune applicazioni. In caso però di spigoli o materiali taglienti possono facilmente danneggiarsi e in questi casi possono essere di aiuto le protezioni in materiale plastico a protezione della fascia o gli angoli da posizionare sui particolari. Non sono raccomandate nelle fonderie in prossimità delle temperature.

Fasce_sollevamento_barche

Per identificare le fasce di sollevamento la Normativa prevede che abbiano dei colori diversi in base alla portata. Viola(1T), Verde(2T), Giallo(3T), Grigio(4T), Rosso(5T), Marrone(6T), Blu(8T), Arancio(10T). Tale valore per utilizzo ad “U” come nella foto della barca la portata raddoppia, se invece si utilizza a scorsoio la portata diminuisce di circa 20%.

Ogni fascia deve obbligatoriamente riportare all’interno dell’asola la targhetta identificativa riportando il nome del fabbricante, la portata nelle 3 posizione di utilizzo: Diritte, ad U ed a scorsoio, il marchio CE e la norma di riferimento EN1492-1. Il coefficiente di sicurezza delle nostre fasce è 7:1, ossia caricando un peso 7 volte superiore a quello massimo indicato il dispositivo si strappa. Le fasce vanno costantemente controllate della loro integrità. Nel caso si formino dei nodi vanno sciolti prima del sollevamento. In caso di tagli sulle trame, anche lievi, è OBBLIGATORIA LA SOSTITUZIONE.

NON si deve MAI applicare un peso superiore alla portata massima indicata. E’ raccomandata sempre la valuzione dei rischi e la scelta del sistema di sollevamento più idoneo da parte di personale la cui conoscenza sia qualificata e competente. Sul mercato purtroppo esistono tanti prodotti di dubbia provenienza. Si raccomanda sempre un attento controllo.