Archivio della categoria: Dispositivi di Protezione Individuale

Perchè i saldatori devono indossare la maschera protettiva per le vie respiratorie?

Oltre lo schermo protettivo, meglio se elettronico per la protezione della vista, i saldatori devono proteggere anche le vie respiratorie. I fumi generati dai processi di saldatura costituiti da monossido di carbonio, ozono, ossidi di azoto e ossidi dei metalli, espongono gli operatori a rischio di gravi malattie polmonari.
Cosa sono i fumi di saldatura?: Sospensione di particelle solide nei gas prodotti durante la combustiuone. Il metallo a contatto con l’ossigeno dell’aria si ossida: quindi i fumi sono costituiti per la maggior parte dagli ossidi dei metalli utilizzati per il manufatto e dai materiali di apporto per la saldatura quali fili o elettrodi.
Alcuni sintomi riconducibili all’esposizione: Tosse, escreato e sibili in concomitanza della settimana lavorativa con successivo miglioramento nel fine settimana.
La tipologia di fumi cambia in relazione ai materiali utilizzati nella lavorazione quindi ossidi di ferro, Cromo, Nichel, Piombo, Cobalto, Manganese, Rame ecc.. e possono avere tutti effetti gravi sulla salute. Per questo è necessario effettuare costantemente visite ed analisi specifiche.

Indossare quindi una maschera efficiente è di fondamentale importanza per ridurre notevolmente il rischio! Generalmente si indossa un dispositivo FFP2 che protegge solamente da polveri ma è raccomandabile utilizzare maschere con una protezione ulteriore anche per OZONO, la cui esposizione cronica può causare Broncopatie, enfisevi e Fibrosi, quali ad esempio la Maschera 3M 9928 specifica per fumi di saldatura 

 

maschera_protettiva_saldatori_3m9928

Maschera specifica per saldatori con protezione anche da Ozono

Questa maschera protegge inoltre anche da tutti gli odori fastidiosi che si sviluppano nei processi di saldatura ed è riutilizzabile su più turni di lavoro a differenza delle normali FFP2 che devono essere gettate dopo 1 turno. Questo per avere una gestione ragionevole dei costi.

I migliori occhiali antiappannamento 3M con trattamento ScotchGard GG501GAF

I nuovi occhiali a mascherina 3M GG501GAF sono l’occhiale che garantisce le migliori performance contro l’appannamento. Grazie allo speciale trattamento ScotchGard riduce l’angolo di contatto delle micro gocce rendendo la visione ottimale anche in ambienti umidi.

Il trattamento ha una lunga durata, è resistente ai graffi ed ha un comfort altissimo grazie alla leggerezza e alla pressione uniforme sul viso dell’ elastico. Occhiale fasciante a profilo stretto e con ampio campo visivo.

occhiali_antiappannamento_3m

Differenza della lente con e senza trattamento ScotchGard 3M

 

Trattamenti agricoli con Organofosforici

kit-protezione-fitofarmaci-3m

Nei trattamenti agricoli si fa spesso uso di Organofosforici che sono colinomimetici ad azione indiretta ossia danno il loro effetto inibendo l’acetilcolinesterasi aumentando la concentrazione di acetilcolina endogena. Vengono quasi esclusivamente utilizzati come insetticidi per utilizzzi agricoli e giardinaggio in genere.

Queste sostanze sono la causa di quasi l’80% di ricoveri ospedalieri per intossicazioni ad uso agricolo quando non vengono utilizzate maschere protettive o sono, come spesso si riscontra, inadeguate!

Gli operatori si intossicano perchè le sostanze nebulizzate vanno a contatto con gli occhi e la cute scoperta per assorbimento o vengono inalate. Gli effetti si manifestano dopo pochi minuti e la sintomatologia varia  a seconda del tempo di esposizione e della quantità a cui si è venuti a contatto.

3m6057

filtri per Maschere 3M

Proprio per queste ragioni è assolutamente necessario l’uso di dispositivi efficaci alla protezione da insetticidi come le maschere a pieno facciale 3M 6800 con filtri tipo 3M 6059, 3M 6057 o 3M 6059 con fattori di protezione ABEK1 a seconda della tipologia. La definizione dei filtri più adatti è di solito individuabile dalla scheda di sicurezza dei prodotti utilizzati.

Per quanto riguarda la protezione del corpo è consigliabile la tuta 3M 4545 di categoria 5/6.

Tuta_3m4545

Tute 3M 4545 per trattamenti agricoli

 

Le scarpe antinfortunistiche Cofra Petri S1P SRC

Le scarpe antinfortunistiche, ormai largamente diffuse e fortunatamente accettate da tutti gli operatori, oltre che garantire una adeguata protezione devono soddisfare elevati standard di comfort. La scarpa Cofra Modello Petri sono un’ottima scelta per quei lavoratori che non operano in ambienti in presenza di pioggia o fango come magazzinieri e linee di montaggio,  perchè il tessuto con cui è realizzata ha una alta traspirabilità che riduce la sudorazione. La pianta larga Mondopoint 11 ed il puntale in alluminio la rende particolarmente comoda e sicura e grazie alla suola APT Plate – Zero Perforation molto flessibile consente piegamenti facili e contribuisce a ridurre la stanchezza a fine lavoro. Leggera Soffice e confortevole.

Vedi tutti i modelli Cofra

Scarpe_antinfortunistiche_cofra_petri

Scarpe_antifortunistiche_flessibili e leggere_Cofra.

Maschere 3M per la protezione da Fitofarmaci in Agricolatura. Maschera protettiva a filtri fissi o Sostituibili?

 

Protezione dai Fitofarmaci per agricoltura. Come fare la scelta corretta?

La maschere 3M garantiscono una protezione ad un’ ampia ampia tipologia di sostanze e possono sicuramente essere un valido aiuto.

maschera_3m4255_vernici_polveri

Maschera 3M 4255 a filtri non sostituibili


La 3M4279 come la 3M4255 sono dei dispositivi a filtri non sostituibili e quindi una volta saturati vanno gettati. Definire la durata è molto difficile perchè per dare questo dato occorrerebbe sapere: la concentrazione delle sostanze, l’umidità dell’aria, la frequenza respiratoria, la capacità polmonare ecc…. dati molto difficili da reperire. Per dare un’idea orientativa data dall’esperienza riportata dai nostri clienti va dalle 20 alle 40 ore di lavoro ma è un dato che non può essere in nessun modo preso per certo.

 

3m 6200

Semi Maschera a filtri sostituibili 3M6200


Il sistema più facile da utilizzare è come sempre il buon senso ed in questo caso occorre essere attenti ai propri sensi: quando si comincia a percepire nel naso o in gola il “sapore” delle sostanze occorre sostituire il dispositivo. Nel caso di utilizzi più intensi può essere di aiuto l’uso di maschere a filtri sostituibili come la maschera 3M 6200 o 3M6502 con i filtri 3M6055+3M5935 accoppiati insieme con le ghiere 3M501. Se si effettuano i trattamenti con pompe irroratrici con trattore scoperto è raccomandato l’utilizzo di maschere a Pieno facciale come la 3M6800 che monta gli stessi filtri.
Oltre che le vie respiratorie è necessario proteggere anche gli occhi con degli occhiali a mascherina tipo 3M2890 ed il corpo con le tute 3M4545 di categoria appropriata.

3m 6800 + filtri

Maschera a pine Facciale 3M6800


Le maschere di questo tipo vengono fornite con una busta in cui riporre il dispositivo dopo l’uso. E’ raccomandata la pulizia della maschera con prodotti antibatterci dopo l’uso per una maggiore igiene.

Saldatura

3M Speedglas: i vantaggi di usarle nei lavori di saldatura

Le esigenze fondamentali di un saldatore nello svolgere il proprio lavoro sono la PROTEZIONE di occhi, viso e testa, il COMFORT e la PRATICITA’ di indossare una maschera per tutto il giorno, l’AFFIDABILITA’ del dispositivo anche nelle condizioni più aggressive.

La 3M, leader mondiale nel settore dei dispositivi di sicurezza, con la sua linea Speedglas realizza prodotti che continuamente si migliorano in fatto di sicurezza e comfort, ogni funzionalità dell’ampia gamma di maschere nasce da un attento studio delle necessità che un saldatore manifesta sul campo, perché è dalle esigenze pratiche che poi si sviluppano i prodotti migliori in termini di prestazioni.

I nuovi filtri per saldatura 3M Speedglas della serie 9100 sono auto-oscuranti e sono il top che offre il mercato come protezione per gli occhi dai raggi UV/IR anche quando sono spenti o hanno attivata una tonalità scura o chiara. L’elmetto Speedglas rimane rivolto sempre verso il basso proteggendo in questo modo non solo gli occhi ma anche il viso, inoltre non è necessario regolare la visiera che rimane sempre ben posizionata e le mani sono libere di lavorare senza sprechi di tempo. Protezione e rendimento sul lavoro, due obiettivi fondamentali che la tecnologia 3M soddisfa al meglio grazie ad un incessante sforzo di innovazione e sviluppo.

casco saldatura 3m 100 QR

Casco saldatura 3M Speedglas 100 QR

Lo schermo per saldatura 3M Speedglas 9100-QR è un connubio perfetto tra affidabilità, flessibilità e comfort: lo schermo può essere rispetto al viso agevolmente abbassato e alzato in posizione di “riposo”, comodo da portare così anche a lungo durante l’orario di lavoro. Non è necessario sganciare e agganciare tutte le volte l’elmetto di sicurezza, lo schermo da saldatura rimane in posizione sollevata e la testa in questo modo risulta sempre protetta. Lo schermo è compatibile con la gran parte degli elmetti presenti sul mercato ovviando così al problema di doverlo togliere quando non serve, con il rischio di avere la testa senza protezione. L’appannamento della maschera è ridotto al minimo grazie agli sfiati laterali, dispone di finestre aggiuntive poste di lato per un maggiore campo visivo con 5 filtri di gradazione e si abbina perfettamente alle cuffie auricolari 3M Peltor.

Scegli il meglio per te e la tua sicurezza, scegli 3M Speedglas.

Come applicare perfettamente il nastro antiscivolo 3M Safety Walk

applicare_nastro_antiscivolo_3m

Come applicare il Nastro Antiscivolo 3M

Preparazione delle superfici

Prima di tutto è necessario che le superfici siano pulite, sgrassate ed asciutte verificando inoltre che la temperatura di applicazione sia non inferiore a 4°C altrimenti l’adesione potrebbe non risultare ottimale. Per sgrassare le superfici si consiglia di utilizzare un solvente adeguato come il 3M Industrial Cleaner o equivalente se disponibile. Dopo la pulizia e lo sgrassaggio la superficie va adeguatamente risciacquata ed aciugata (almeno 1 ora o 2 ore se le superfici sono particolarmente porose).

Quando utilizzare il Primer

Se viene applicato all’esterno dove c’è scorrimento di acqua o su superfici dove sono frequenti i lavaggi si consiglia di utilizzare un primer e sigillare i bordi con silicone appropriato per evitare infiltrazioni. Un esempio sono le fughe delle piastrelle dove a causa della differenza di planarità tra una e l’altra si può verifcare nel tempo il distacco parziale del nastro.

Applicazione su calcestruzzo

Per avere una adesione ottimale il calcestruzzo NON deve essere friabile e senza spaccature. Tutte le polveri ed i residui devono essere rimossi. In questo caso l’utilizzo del primer è necessario. Se è di nuova realizzazione occorre attendere almeno 4 settimane e non va applicato a cavallo dei tagli.

Applicazione su superfici metalliche

Tutte le ossidazioni, incrostazioni e ruggine vanno rimosse con abrasivi idonei e la superficie deve apparire viva, lucente ed omogenea. In caso che sia verniciata la vernice deve essere in perfette condizioni. Successivamente va sgrassata  e pulita con 3M industrial Cleaner utilizzando un panno pulito. Siccome i solventi sono generalmente infiammabili si consiglia di non utilizzarli in presenza di fonti di calore.

Applicazione del nastro antiscivolo 3M Safety Walk

Tagliare il nastro antiscivolo 3M nella lunghezza desiderata e con delle forbici arrotondare gli spigoli prima di rimuovere il liner; per una facile applicazione si consiglia di tagliare strice non superiori ad 1 metro per evitare più facilmente bolle d’aria. Staccare il liner mano a mano che si procede all’incollaggio cercando e, per quanto possibile, di non toccare l’adesivo con le dita. Per favorire l’incollaggio ed eliminare eventuali grinze può essere utile l’utilizzo di un piccolo rullo a mano per fare pressione. In caso di errato allineamento è possibile risollevare le strisce solo se NON è stata pressata. Con il nastro antiscivolo 3M Conformable su superfici irregolari è raccomandato l’uso di un martelletto di gomma per migliorare l’aderenza.

Quando si può calpestare?

Dopo l’applicazione la superficie è immediatamente calpestabile tuttavia la massima efficacia dell’adesivo si ottiene dopo 4 giorni ad una temperatura di 21° C.

L’utilizzo delle maschere protettive 3M e la barba. E’ sufficiente acquistare un buon dispositivo?

Questa domanda non è banale. La normativa vigente prevede che si debba utilizzare un dispositivo di protezione adeguato ma non basta, non a caso vengono identificati come DPI ossia Dispotivi di Protezione Individuali e su questa ultima parola però spesso non ci si sofferma abbastanza. Capita che infatti ci vengano richieste maschere 3M indicando il tipo di protezione ad esempio FFP3, A2, K ecc.. ma poi viene fatta una valutazione dell’effettiva efficacia su gli operatori?  Paradossalmente potrei acquistare la migliore maschera sul mercato, spendendo anche molto, e non ottenere una protezione efficace perchè i dispositivi non si adattano a tutti. Ognuno di noi ha una conformazione del viso diversa e qui le taglie possono essere un valido aiuto, o svolge operazioni diverse anche se esposti agli stessi rischi. Si pensi ad esempio ad una carpenteria metallica dove vengono svolte operazioni di molatura. Sia i carrellisti che gli operatori sono esposti alle stesse polveri ma i primi rimangono seduti e generalmente abbastanza fermi, mentre gli altri devono frequentemente girare la testa, abbassarsi, spostare pesi e fare un lavoro più fisico. Dalle nostre prove effettuate con il sistema di validazione 3M Fit-Test abbiamo spesso riscontrato delle evidenti differenze di tenuta.

DPI_protezione_barba

Un’altro problema che frequentemente riscontriamo e quasi sempre sottovalutato è la barba. Nei 3/4 dei casi la barba va inficiare completamente la protezione!! I peli infatti si interpongono tra la maschera e la pelle impedendo la tenuta del dispositivo. Se sono esposto a polveri tossiche magari solo rinvio la malattia professionale ma se sono esposto a VIrus????

Un altra cosa da verificare è che la maschera sia indossata correttamente. Tante volte nelle aziende dove andiamo a fare formazione troviamo operatori con il dispositivo indossato in maniera errata.

Se avete dubbi, domande o siete interessati ai nostri corsi di formazione i nostri uffici commerciali e tecnici sono a vostra disposizione.

Quale maschera utilizzare per la pulizia dei camini e stufe a pellet?

Quando si esegue la pulizia dei camini e delle polveri da combustione di legna in generale, anche delle stufe a pellet, occorre proteggere assolutamente le vie respiratorie. La protezione è necessaria perchè le polveri generate sono molto tossiche e spesso anche molto sottili e facilmente volatili. Queste appunto sono le più pericolose perchè hanno dimensioni di pochi micron e se respirate il nostro sistema respiratorio non è in grado di filtrarle.

pulizia_canne_fumarie

Gli spazzacamini senza protezioni…

Per questa applicazione suggeriamo di utilizzare delle maschere con fattore di protezione FFP3.  A filtri non sostituibili la 3M 9332+ se il lavoro viene svolto saltuariamente e le polveri generate sono di poca entità, a filtri sostituibili la maschera 3M6200 + filtri 3M 2135 invece nelle situazioni più impegnative. Se nell’utilizzo gli odori risultano fastidiosi può essere necessario anche l’utilizzo di filtri gas sostituibili come i filtri 3M6059. La cosa molto importante è inoltre quella di fare attenzione che le maschere siano indossate correttamente quindi, che il ferretto sia ben piegato sul naso e gli elastici siano entrambi posizionati dietro la testa, uno sopra l’orecchio e l’altro alla nuca, nel caso delle maschere a filtri non sostituibili. Per le altre maschere invece che gli elastici siano sempre nella stessa posizione ma ben stretti e i filtri inseriti correttamente. Per capire il corretto indossamento consigliamo di visionare alcuni video che potete trovare su youtube.

Nelle situazione gravose occorre proteggere anche il corpo e le tute 3M 4520 possono essere un valido suggerimento, e gli occhi con occhiali a mascherina sigillati, non consigliamo quelli a stanghette perchè le polveri non vengono fermate.

Schermo saldatura 3M Speedglas con respiratore elettroventilato ADFLO anche per altitudini fino a 3000mt slm

Il nuovo respiratore 3M Adflo abbinato alle maschere 3M SpeedGlas  è stato realizzato riducendo il peso di oltre il 15 % . Il nuovo Adflo con batterie agli ioni di litio ha una grande durata. Il suo design compatto intelligente ne fa uno dei sistemi più venduti al mondo ed è stato appositamente progettato per soddisfare gli operatori più esigenti nei lavori di saldatura in abbinamento con gli schermi 3M™  Speedglas ™ 9100 Air , 3M ™  Speedglas ™ s 9100 FX Air e 3M ™  Speedglas ™ Casco Saldatura 9100 MP Air. Il suo flusso d’aria continuo fornisce aria filtrata che allevia dal calore ed il sudore. utilizzando il respiratore Adflo , si ottiene sia una maggiore protezione che un comfort per tutto il giorno.

Con il giusto tipo di filtro, il respiratore Adflo fornisce efficacemente una protezione contro le polveri ed i gas sviluppati dai processi di saldatura. E’ possibile sostituire in modo separato sia il fitro polvere che quello gas a seconda delle esigenze, non è necessario sostituirli sempre entrambi. Il profilo sottile è perfetto per l’utilizzo in spazi ristretti, la sua ergonomia è studiata per soddisfare le necessità dei saldatori di leggerezza e protezione combinata all’estrema facilità di utilizzo.

Il flusso d’aria è costante a 170 litri al minuto , indipendentemente dalla carica della batteria o dalla contaminazione dei filtri. Per i posti di lavoro , caldi e umidi , è possibile aumentare il flusso d’aria a 200 litri al minuto , semplicemente premendo il pulsante ON una seconda volta . Per le saldature eseguite ad altitudini elevate è fornibile una speciale versione High Altitude: con questa versione è possibile saldare fino ad altitudini di 3000 metri sopra il livello del mare.