Scelta della maschera a casco per saldatura MIG e TIG elettronica

Le maschere a casco elettroniche per saldatura sono ormai sempre più utilizzate in sostituzione delle tradizionali per 2 motivi. Il primo è la salvaguardia della vista, il secondo la possibilità di avere tutte e due le mani libere.

Maschera_saldatura_elettronica_3m Blaze

Come fare la scelta tra i tantissimi modelli di maschere elettroniche per saldatura?

La prima cosa da definire è se occorre una maschera a DIN fisso 11 o variabile da 8 a 13DIN. Generalmente la maschera a DIN fisso, ossia che non si ha la possibilità di variare il valore di oscuramento, viene consigliata per la saldatura a filo MIG con amperaggi che vanno da 90-100amp ai 180-200amp. In questa fascia di potenza la luce generata dall’arco di saldatura è schermata con un 11 DIN e tollerata dall’occhio “medio”. Se eseguirò saldature con valori minori o inferiori a questi avrò bisogno di una mascherà a DIN regolabile.Ricordo che comunque la sensibilità è altamente soggettiva e quindi questo dato è solamente orientativo.

Per le saldature TIG è raccomandata una maschera a Din Variabile perchè si salda spesso a bassi amperaggi, anche 30amp, quindi la luce generata sarà bassa. In queste situazioni se avessi un DIN 11 avrei difficoltà a vedere il bagno si saldatura.

Che cosa è importante verificare per essere sicuri della effettiva protezione della maschera da saldatore?

Un dato molto importatante da tenere presente è la velocità di oscuramento, ossia la fase di passaggio da chiaro e scuro. Le maschere più buone hanno pochi millisecondi mentre man mano che si scende di livello questo valore aumenta. La nostra percezione immediata non riesce a distinguere questa velocità ma l’occhio invece si! Questo lo si vedrà a fine giornata che avrò gli occhi rossi o particolarmente stanchi. Un’altra differenza è nel numero di sensori sul dispositivo. Le più economiche hanno 1 o 2 sensori mentre quelle più buone ne hanno 3 o 4. Maggiore è il numero di sensori e più alta sarà la garanzia di oscuramento perfetto indipendentemente della posizione della testa. Ci sono poi altri optional come la regolazione di delay, ossia la possibilità di ritardare il ritorno nella fase di chiaro alla fine della saldatura, o i tagli laterali sul casco per una migliore aerazione.

Che tipo di alimentazione batterie hanno le maschere elttroniche per saldatura?
Un’altra differenza è l’alimentazione del dispositivo: alcune maschere hanno le celle solari altri invece solo le batterie sostituibili. La differenza è che quelle a celle solari spesso le batterie non sono sostiubili in caso di guasto e sono più facilmente usurabili. Le maschere più professionali sono di norma a batterie sostituibili.

Qunado si effettuano saldature sia TIG che MIG i polmoni sono esposti a fumi ed esalazioni molto pericolose. Si consiglia l’uso di maschere specifiche per saldatori come le maschere 3M 9925 riutilizzabili.

4 pensieri su “Scelta della maschera a casco per saldatura MIG e TIG elettronica

    1. Nicola M. Autore articolo

      Si le pompe per acque sporche hanno delle caratteristiche del tutto diverse. In questi casi occorre che vengano aspirati anche tutti i detriti uniti all’acqua quindi è necesserio che le giranti siano molto più robuste e che il passaggio di aspirazione non sia una solo una griglia perchè provocherebbe l’ostruzione dell’aspirazione e la conseguente rottura della pompa. Le nostre pompe serie PV hanno il corpo in ghisa ed consentono il passaggio di detriti anche fino 35mm di diametro. C’è poi anche la versione con trituratore, ossia la pompa all’interno ha dei coltelli, “tipo tritacarne,” che sminuzzano il detrito per consentire un passaggio più agevole. https://www.utensileriaonline.it/elettropompe-per-acqua-c-15/elettropompe-acque-sporche-c-15_62/pompa-immersione-acqua-in-ghisa-per-allagamenti-pv-100aut-350lt-p-2422.php

      Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *