Acqua negli impianti pneumatici? Come trattare la condensa ed eliminarla.

Essiccatore OMI a refrigerazione
Essiccatore OMI a refrigerazione

Negli impianti di produzione di aria compressa è frequente trovare acqua all’interno delle tubazioni e serbatoi se non si utilizzano essiccatori frigoriferi e separatori centrifughi.

La causa è dovuta alla temperatura e all’umidità dell’aria, generalmente ad aria più calda corrisponde una maggiore produzione di acqua negli impianti.

Le variazioni di temperatura e di umidità dell’aria aspirata dai nostri compressori modificano il punto di rugiada e conseguentemente il vapore acqueo presente all’interno dell’impianto si condensa, trasformandosi in acqua che può causare molti problemi alla produzione perchè genera incrostazioni e ruggine che può bloccare elettrovalvole, clindri pneumatici, comandi pneumatici.

Il punto di rugiada è il valore che indica la temperatura al di sotto della quale il vapore si condensa. Grazie agli essiccatori è possibile raffreddare l’aria ed abbassare tale valore garantendo che non si formi acqua all’interno degli impianti.

Gli essiccatori si suddividono in 3 tipologie in base alla ISO 8573-1:2001 Classi qualità dell’aria:

essiccatori frigoriferi: +3°C / +7°C / +10°C Sono i più diffusi e più utilizzati perchè per la gran parte degli usi industriali garantiscono un’alta efficienza con un costo contenuto.
essiccatori ad assorbimento: -20°C / -40°C / -70°C Sono utilizzati generalmente dove è richiesta un’altissima purezza dell’aria come ad esempio macchinari come Laser di taglio, apparecchi medicali, industria chimica, industria alimentare. Il raffreddamento è raggiunto tramite il passaggio dell’aria attraverso dei granuli che assorbono l’umidità fino a “simulare” valori così bassi.
essiccatori a membrana: che sottraggono fino a 40°C rispetto al valore del punto di rugiada. Sono utilizzati solo in applicazioni molto particolari dove per esempio è richiesta una certificazione antideflagrante perchè non richiede alimentazione elettrica o se impiegati come essiccatori terminali in aree con rischio di gelo.

Per ridurre la quantità di condensa da trattare negli impianti raccomando sempre di montare prima degli essiccatori i separatori centrifughi.

OMI separatore di condensa
OMI Separatore di condensa cilindrico

Questi sono dei cilidri in cui, tramite degli accorgimenti costruttivi, l’aria compressa viene immessa all’interno ed indirizzata in modo che prenda un senso circolare, tramite la forza centrifuga nelle pareti si formano le goccioline di condensa che raccolte nel fondo vengono espulse tramite scaricatori automatici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *